Uno diverso in Toscana, che crede, in questa nostra madreterra, in questa fugace vita, in qualcosa di diverso.

venerdì 31 agosto 2012

Carlo Maria Martini

Carlo Maria Martini è tornato nel seno della Provvidenza. Sarà sempre nel cuore della mia generazione, noi ragazzi degli anni 60 e 70. Ci ha incoraggiato a farci prossimo, in un tempo in cui le chiese e gli stati diventavano gelidamente remoti. Ci è stato vicino nel pellegrinaggio di fiducia sulla terra di Taizé. Era l'unico europeo capace di sostenere fino in fondo la rivoluzione europea di Giovanni Paolo II. Era al nostro fianco quando picconavamo il muro di Berlino. Ha portato i cristiani d'Europa ad abbracciare fino in fondo il cammino erto e irto verso la pace, la giustizia, la salvaguardia del creato. Ci ha fatto conoscere la Madonna del Sabato Santo e il mistero del discepolo più amato da Gesù. Ci ha raccontato la bellezza dell'invecchiare e la necessità di curarsi, sì, ma senza accanimenti. Ha lavorato fino all'ultimo per le aperture che ormai sono prossime a fiorire, quelle condurranno a una cristianità più inclusiva e comprensiva delle persone queer. Ci è stato d'esempio, accettando la buona morte, il compimento, quando il cuore ha nostalgia di Gerusalemme ma lo sguardo non può che volgersi verso Occidente, verso Compostela, verso la conclusione del nostro breve viaggio su questa terra. Preghiamo per te, Carlo Maria, e te, ormai immerso nella veraforza che sorregge il creato, prega per noi.

Post più popolari di sempre