Uno diverso in Toscana, che crede, in questa nostra madreterra, in questa fugace vita, in qualcosa di diverso.

sabato 18 febbraio 2017

Disco rotto Madia




L'emanazione di norme che rendano facilmente licenziabile il dipendente pubblico infedele risale, come minimo, all'inizio degli anni novanta.
Dai tempi di Renato Brunetta, fino alla attuale ministra Marianna Madia, poi, praticamente ogni anno vengono reiterate le grida manzoniane che annunciano che sarà sempre più facile licenziare i "furbetti".
E' un disco rotto, che i media ripropongono con disarmante subalternità e conformismo, non sapremmo dire quanto accorgendosi che, a intervalli talvolta di pochi mesi, si ripetono le stesse cose.
Inutile ricordare che il governo Renzi, purtroppo, è stato particolarmente spregiudicato nel ripetere questo tipo di annunci.
Facciamo un attimo chiarezza.
Le norme per punire i dipendenti infedeli ci sono.
Le nuove che stanno arrivando non fanno che ribadire previsioni che erano già nelle precedenti, magari scritte peggio e di più difficile applicazione (cialtroni o avventurieri del diritto, scegliete voi).
Ci sono già anche, e profumatamente pagati, con stipendi fuori controllo e fuori mercato, decine di migliaia di dirigenti pubblici a cui è affidato il compito di farle rispettare.
Alcuni non lo fanno, perché sono essi stessi dipendenti infedeli.
Alcuni dirigenti, va aggiunto, non possono farlo, perché si trovano a guidare piramidi di uffici che sono talmente mal organizzati, oppure impoveriti e marginalizzati, con tanti di quei guai quindi, da rendere la bassa produttività o l'assenteismo di alcuni dei loro sottoposti l'ultimo dei loro problemi.
La maggior parte non lo fa perché ormai non sono più funzionari indipendenti, ma personale nominato da ed ostaggio di un ceto politico parassitario CHE NON VUOLE che la pubblica amministrazione funzioni.
Perché?
Fa comodo, intanto, poter dare la colpa in tivù alle ultime ruote del carro.
Eppoi l'inefficienza degli uffici pubblici è una ottima scusa per esternalizzare ed appaltare a enti, cooperative, società esterne.
Ancora meglio quando si può "privatizzare" (che spesso vuol dire regalare), così si arricchiscono direttamente coloro con cui c'è vicinanza di casta, consuetudine sociale, empatia politica.
Nel frattempo, non dimentichiamolo, le pubbliche amministrazioni sono diventate direttamente responsabili della cinesizzazione di tanti lavoratori, bloccando i loro contratti dentro e imponendo contratti da fame a quelli esternalizzati fuori.
Ovviamente, mentre ci si fa belli sui media contro i "fannulloni", i politici continuano a creare masse di precari nelle pubbliche amministrazioni, personale che nel tempo poi si deve stabilizzare (più rapidamente se, magari, si presta a dare un facile consenso agli stabilizzatori).
Questa è la dura realtà, ovviamente molto complessa, che i media di regime tengono nascosta.


Post più popolari degli ultimi 12 mesi

Argomenti solidamente piantati in questa nuvola:

1989 a touch of grace abolizione delle province e delle prefetture alternativa civico-liberale Anticolonialismo Archivio di Toscana Libertaria verso Toscana Insieme Archivio Gaymagazine autogoverno della Toscana basta cicche BijiKurdistan borghi e comuni bussini chi può creare valore come domare la spesa contro gli ecomostri contro il centralismo contro la dittatura dello status quo dalla mailing list di Toscana Insieme Dario Parrini decentralismo dialogo autogoverno Disintegration as hope don Domenico Pezzini ecotoscanismo Emma Bonino English Enrico Rossi eradication of poverty Eugenio Giani Eurocritica Fi-Po Link fine del berlusconismo Firmigoni gay alla luce del sole Gianni Pittella Hands off Syria Homage to Catalonia Hope after Pakistan Il disastro delle vecchie preferenze In difesa di Israele Inaco Rossi innocenza tradita Italia Futura la bellezza come principale indice di buongoverno Libertà in Iran libertino Lucca 2012 Mario Monti Matteo Renzi Michele Emiliano nonviolenza Ora e sempre resistenza ora toscana Oscar Giannino Peace Is Possible - War Is Not Inevitable popolano Prima di tutto la libertà primarie Primavera araba 2011 quattrini al popolo Queer Faith ricostruzione di una moralità pubblica riforma elettorale toscana rivoluzione liberale Roberto Giachetti Santa Cecilia sessantennio solidarietà toscana statuto pubblico dei partiti Stefania Saccardi The Scottish Side of History Too Big To Fail? Torre del Lago tradizioni e libertà Ugo di Toscana uninominale Vecchiano veraforza Via dall'Afghanistan vittime yes in my backyard