Uno diverso in Toscana, che crede, in questa nostra madreterra, in questa fugace vita, in qualcosa di diverso.

venerdì 16 settembre 2016

Verso lo sciopero generale





La notte del 14 settembre 2016, un lavoratore di origine egiziana, Abd Elsalam, professore, immigrato, facchino e delegato di un sindacato libero e anarchico - fra le poche organizzazioni sociali rimaste ancora vive - la USB, è rimasto ucciso a Piacenza, schiacciato sotto un tir per colpa dei suoi sfruttatori.
In questo video, diffuso grazie a Contropiano.org, potete vedere una testimonianza efficace del clima di prevaricazione sociale e padronale in cui questa disgrazia è maturata:




Particolarmente inquietanti, a nostro parere, sono stati i goffi tentativi dei media conformisti di liquidare il fatto, nelle prime ore successive alla tragedia, come un mero incidente stradale, nonché di nascondere al grande pubblico la battaglia sindacale, per la vita, per la dignità, in cui Abd Elsalam e tutta la USB sono impegnate.

Grazie a Il Manifesto, grazie a Radio Radicale, ma anche grazie a un editoriale di Dario Di Vico sul Corriere della Sera di oggi, questo tentativo di far calare una pietra tombale di omertà e ignavia sopra la drammaticità dei fatti, non pare riuscito.

Nell'economia moderna e postmoderna abbiamo lasciato rientrare lo sfruttamento dei facchini, l'autosfruttamento dei precari, lo schiavismo nei confronti degli immigrati.

Le sigle sindacali più paludate, i politici della sinistra ufficiale, i burocrati delle categorie, i capi delle grandi cooperative, il governo, le grandi agenzie centrali della previdenza e della sanità che fanno? Stanno a guardare?
 Domani, sabato 17 settembre, a Piacenza, ci sarà una manifestazione nazionale di solidarietà e contro la schiavitù.

La USB, insieme a molte altre organizzazioni sindacali e sociali, ha dedicato al martire della libertà e del lavoro, Abd Elsalam, lo sciopero generale del prossimo 21 ottobre 2016.

Sarà uno sciopero generale contro il governo, contro le sue riforme che vogliono velocizzare l'ingiustizia, contro le grandi aziende che vogliono lavoratori sempre meno pagati, contro l'ingiustizia sociale e la diseguaglianza, che dilagano.



Post più popolari di sempre

Argomenti solidamente piantati in questa nuvola:

1989 a touch of grace abolizione delle province e delle prefetture alternativa civico-liberale Anticolonialismo Archivio di Toscana Libertaria verso Toscana Insieme Archivio Gaymagazine autogoverno della Toscana basta cicche BijiKurdistan borghi e comuni bussini chi può creare valore come domare la spesa contro gli ecomostri contro il centralismo contro la dittatura dello status quo dalla mailing list di Toscana Insieme Dario Parrini Disintegration as hope don Domenico Pezzini Emma Bonino English Enrico Rossi eradication of poverty Eugenio Giani Eurocritica Fi-Po Link fine del berlusconismo Firmigoni gay alla luce del sole Gianni Pittella Hands off Syria Homage to Catalonia Hope after Pakistan Il disastro delle vecchie preferenze In difesa di Israele Inaco Rossi innocenza tradita Italia Futura la bellezza come principale indice di buongoverno Libertà in Iran libertino Lucca 2012 Mario Monti Matteo Renzi Michele Emiliano nonviolenza Ora e sempre resistenza ora toscana Oscar Giannino Peace Is Possible - War Is Not Inevitable popolano Prima di tutto la libertà primarie Primavera araba 2011 quattrini al popolo Queer Faith ricostruzione di una moralità pubblica riforma elettorale toscana rivoluzione liberale Roberto Giachetti Santa Cecilia sessantennio solidarietà toscana statuto pubblico dei partiti Stefania Saccardi The Scottish Side of History Too Big To Fail? Torre del Lago tradizioni e libertà Ugo di Toscana uninominale Vecchiano veraforza Via dall'Afghanistan vittime yes in my backyard