Uno diverso in Toscana, che crede, in questa nostra madreterra, in questa fugace vita, in qualcosa di diverso.

lunedì 26 settembre 2016

Il deviazionista



Ho dovuto sempre riflettere tanto, negli anni, su come io possa veramente definirmi, dal punto di vista politico.
Nasco come giovane democratico-cristiano, a tratti cristiano-sociale, ma sempre con venature e speranze liberal-socialiste. Credo nelle istituzioni, ma mi schiero giovanissimo contro la partitocrazia e mi abbevero presto alla sorgente dei Radicali italiani. Dopo il 1989 partecipo con entusiasmo alla stagione dei movimenti verdi, civici, anti-militaristi, anti-burocratici, anti-partitocratici, contro le narco-mafie, per la democrazia locale, per l'autogoverno dei territori. Mai solo pacifista, sempre per la lotta nonviolenta, per la libertà e la giustizia. Sempre con gli ultimi, raramente dalla parte del welfare intermediato da partiti, sindacati, burocrazie statali. Essendomi schierato e impegnato per lo smantellamento in Toscana del partito-stato, insieme a un vasto movimento civico-liberale, sono finito a collaborare per anni con il centrodestra toscano di Alessandro Antichi, ma anche con molti altri ribelli e riformisti di ogni partito, ex partito, neo-partito. Da ragazzo ero molto criticato per esser stato totalmente incapace di essere fedele a uno dei partiti storici, poi nella maturità e ancora di più oggi, all'inizio della mia terza età, ora che sono tutti ex di qualcosa o qualcuno, nessuno mi critica più. Non mi vergogno di aver creduto che alcuni individui potessero fare la differenza e che valesse la pena di seguirli e votarli.
L'ultimo è stato Matteo Renzi, che però, una volta giunto al potere, ha cambiato la sua agenda.
Doveva abolire i prefetti, rafforzare i comuni, responsabilizzare le regioni, chiudere tante burocrazie centrali, rispedendo risorse e competenze sui territori, nelle periferie.
Invece ci ritroviamo a dover votare, il prossimo 4 dicembre 2016, su una cosiddetta riforma costituzionale che contiene la più pericolosa svolta neocentralista che si sia mai vista in Italia. La carta costituzionale ne esce stravolta, con un governo fortissimo, mentre tutti gli enti locali diventano tutti precari. No, grazie. #IoVotoNo.

* * *

Ascoltando un brillante intervento recente di Massimo D'Alema a Verona, che potete ascoltare a questo link, ho trovato una parola che mi può identificare, rendendomi giustizia: deviazionista. Chi è il deviazionista? E' una persona che è ferma nel portare avanti con rettitudine e con costanza i suoi principi, mentre partiti e movimenti continuano a sbandare da una parte all'altra, a seconda di come tira il vento.

Ecco, chiamatemi pure deviazionista, per aver approfondito, sviluppato e difeso nel tempo le mie profonde radici anarchiche e socialiste, le mie convinzioni liberali, il mio fiero spirito conservatore delle tradizioni e delle libertà che contano, le mie proposte per la libertà e la giustizia, da garantire a individui e famiglie, per le autonomie sociali, per l'autogoverno dei territori.


Una cosa è cambiata, invece, anche per me, come per tutti. Passati i cinquant'anni, non ho più tempo da perdere con coloro che non hanno i miei principi, o non ne hanno affatto.

Post più popolari di sempre

Argomenti solidamente piantati in questa nuvola:

1989 a touch of grace abolizione delle province e delle prefetture alternativa civico-liberale Anticolonialismo Archivio di Toscana Libertaria verso Toscana Insieme Archivio Gaymagazine autogoverno della Toscana basta cicche BijiKurdistan borghi e comuni bussini chi può creare valore come domare la spesa contro gli ecomostri contro il centralismo contro la dittatura dello status quo dalla mailing list di Toscana Insieme Dario Parrini Disintegration as hope don Domenico Pezzini Emma Bonino English Enrico Rossi eradication of poverty Eugenio Giani Eurocritica Fi-Po Link fine del berlusconismo Firmigoni gay alla luce del sole Gianni Pittella Hands off Syria Homage to Catalonia Hope after Pakistan Il disastro delle vecchie preferenze In difesa di Israele Inaco Rossi innocenza tradita Italia Futura la bellezza come principale indice di buongoverno Libertà in Iran libertino Lucca 2012 Mario Monti Matteo Renzi Michele Emiliano nonviolenza Ora e sempre resistenza ora toscana Oscar Giannino Peace Is Possible - War Is Not Inevitable popolano Prima di tutto la libertà primarie Primavera araba 2011 quattrini al popolo Queer Faith ricostruzione di una moralità pubblica riforma elettorale toscana rivoluzione liberale Roberto Giachetti Santa Cecilia sessantennio solidarietà toscana statuto pubblico dei partiti Stefania Saccardi The Scottish Side of History Too Big To Fail? Torre del Lago tradizioni e libertà Ugo di Toscana uninominale Vecchiano veraforza Via dall'Afghanistan vittime yes in my backyard