Uno diverso in Toscana, che crede, in questa nostra madreterra, in questa fugace vita, in qualcosa di diverso.

domenica 16 agosto 2015

Notturni e festivi


Approfitto di questa fresca giornata di San Rocco per una piccola riflessione sul lavoro festivo e notturno, che è stato uno dei temi trattati dai media quest'estate.
Qui in Toscana abbiamo un ipermercato che ha deciso di aprire 24 ore su 24, 7 giorni su 7.
Una importante azienda, su nel nord, ha deciso di produrre frigoriferi di lusso anche il giorno dell'Assunta.
A livello nazionale, il Ministero dei Beni Culturali ha deciso l'apertura dei musei nello stesso giorno di Ferragosto.
Tre situazioni diverse, che però possono essere discusse sulla base di uno stesso, e a nostro parere importante, principio.
Voglio essere diretto: imprese e servizi, privati e pubblici, devono essere liberi di chiedere straordinari festivi e notturni, ma questi straordinari devono essere pagati parecchio bene.
Per pagare parecchio bene, intendo qualcosa come il doppio la notte, il triplo il festivo, il quadruplo il notturno festivo, il quintuplo i giorni delle grandi feste tradizionali, quelle attorno a cui si costituisce la nostra identità comunitaria.
Altrimenti si entra in una dinamica di sfruttamento e autosfruttamento.
L'allungamento degli orari mette in discussioni autentici beni pubblici - l'unità delle famiglie, il riposo finesettimanale, la religione civile - e quindi deve essere ripagato con un compenso adeguato, perché ciò avvenga se e quando c'è una utilità ampiamente condivisa nella comunità.
Per sancire il principio generale, occorrono buone leggi, che stabiliscano quale debba essere la giusta mercede per chi lavora, o chi è reperibile, di notte, nel finesettimana, nei giorni delle grandi feste.
Devono essere leggi locali, perché ogni comunità locale ha le sue stagioni, i suoi riti, i suoi traffici. Esigenze specifiche che solo forti democrazie locali possono mettere a fuoco, per rafforzare le proprie economie locali.
Anche il lavoro notturno e festivo, insomma, secondo me, non può e non deve essere un ingrediente di una competizione globale a chi sfrutta di più le persone e la natura, ma un elemento di stimolo a una maggiore inclusione sociale e a un maggior rispetto per il creato.

Post più popolari di sempre

Argomenti solidamente piantati in questa nuvola:

1989 a touch of grace abolizione delle province e delle prefetture alternativa civico-liberale Anticolonialismo Archivio di Toscana Libertaria verso Toscana Insieme Archivio Gaymagazine autogoverno della Toscana basta cicche BijiKurdistan borghi e comuni bussini chi può creare valore come domare la spesa contro gli ecomostri contro il centralismo contro la dittatura dello status quo dalla mailing list di Toscana Insieme Dario Parrini Disintegration as hope don Domenico Pezzini Emma Bonino English Enrico Rossi eradication of poverty Eugenio Giani Eurocritica Fi-Po Link fine del berlusconismo Firmigoni gay alla luce del sole Gianni Pittella Hands off Syria Homage to Catalonia Hope after Pakistan Il disastro delle vecchie preferenze In difesa di Israele Inaco Rossi innocenza tradita Italia Futura la bellezza come principale indice di buongoverno Libertà in Iran libertino Lucca 2012 Mario Monti Matteo Renzi Michele Emiliano nonviolenza Ora e sempre resistenza ora toscana Oscar Giannino Peace Is Possible - War Is Not Inevitable popolano Prima di tutto la libertà primarie Primavera araba 2011 quattrini al popolo Queer Faith ricostruzione di una moralità pubblica riforma elettorale toscana rivoluzione liberale Roberto Giachetti Santa Cecilia sessantennio solidarietà toscana statuto pubblico dei partiti Stefania Saccardi The Scottish Side of History Too Big To Fail? Torre del Lago tradizioni e libertà Ugo di Toscana uninominale Vecchiano veraforza Via dall'Afghanistan vittime yes in my backyard