Uno diverso in Toscana, che crede, in questa nostra madreterra, in questa fugace vita, in qualcosa di diverso.

martedì 6 marzo 2018

Contro la divisione dell'Italia



Questa immagine di una Italia divisa fra i colori di un nord leghista e di un sud pentastellato ha avuto un certo successo in rete nelle ore e nei giorni di questo interminabile conteggio dei risultati elettorali del 4 marzo 2018.
In parecchi hanno notato che l'Italia sembra ancora fratturata fra corpi politico-elettorali ancora largamente coincidenti con gli antichi stati italiani.
Solo alcune menti più acute, fra cui quelle di alcuni simpatizzanti del nostro Comitato Libertà Toscana e un lucido Sergio Scandura in una corrispondenza su Radio Radicale lunedì 5 marzo 2018, hanno compreso che questa divisione italiana corrisponde a un problema geopolitico che non può essere più nascosto sotto il tappeto.
Se l'Italia è ancora oggi così divisa, dopo centocinquant'anni di nazionalismo, militarismo, colonialismo, fascismo, partitocrazia, centralismo berlusconiano e infine renziano, occorre domandarsi se non siano proprio queste prepotenze, questi sforzi di concentrazione di potere e di ricchezze, a produrre esattamente il contrario di quello che si attendono le elite dominanti.
Più si insegue il centralismo, più si divide l'Italia, questa ci pare la realtà brutta che in troppi non vogliono vedere.
Il Sud continua a declinare e a spopolarsi, ma nel frattempo anche il Nord resta indietro rispetto ad altre regioni europee, più competitive perché più vicine al cuore della Eurozona.
Noi decentralisti suggeriamo una strada opposta: poniamo fine al centralismo.
Andiamo oltre questo presente dominato dall'estrazione neocolonialista di risorse dalle regioni povere per portarle nelle regioni già ricche.
Lasciamo che ogni territorio italiano riprenda in mano le redini della propria economia locale, del proprio tessuto sociale, della propria identità culturale e spirituale.
Lasciamo che ogni angolo d'Italia torni ad autogovernarsi liberamente e responsabilmente.
Ispiriamoci più alla Svizzera che all'odioso centralismo francese.
Trasformiamoci in una comunità di stati che si autogovernino, più liberi, più responsabili, più giusti, più rispettosi del proprio territorio, più impegnati nel proprio avanzamento sociale, governati da regole democratiche più chiare e più semplici del #Rosatellum (e delle altre orribile leggi elettorali che sfigurano la nostra vecchia e malandata repubblica italiana).
Credeteci: ci ritroveremmo incredibilmente più uniti, in una rinnovata confederazione italiana ed europea.
Se davvero volete porre rimedio alle minacce di gravi fratture politiche e geopolitiche dell'Italia e dell'Europa, venite con noi, nel Comitato Libertà Toscana.

Post più popolari di sempre

Argomenti solidamente piantati in questa nuvola:

1989 a touch of grace abolizione delle province e delle prefetture alternativa civico-liberale Archivio di Toscana Libertaria verso Toscana Insieme Archivio Gaymagazine autogoverno della Toscana basta cicche BijiKurdistan borghi e comuni bussini chi può creare valore come domare la spesa contro gli ecomostri contro il centralismo contro la dittatura dello status quo dalla mailing list di Toscana Insieme Dario Parrini Disintegration as hope don Domenico Pezzini Emma Bonino English Enrico Rossi eradication of poverty Eugenio Giani Eurocritica Fi-Po Link fine del berlusconismo Firmigoni gay alla luce del sole Gianni Pittella Hands off Syria Homage to Catalonia Hope after Pakistan Il disastro delle vecchie preferenze In difesa di Israele Inaco Rossi innocenza tradita Italia Futura la bellezza come principale indice di buongoverno Libertà in Iran libertino Lucca 2012 Mario Monti Matteo Renzi Michele Emiliano nonviolenza Ora e sempre resistenza ora toscana Oscar Giannino Peace Is Possible - War Is Not Inevitable popolano Prima di tutto la libertà primarie Primavera araba 2011 quattrini al popolo Queer Faith ricostruzione di una moralità pubblica riforma elettorale toscana rivoluzione liberale Roberto Giachetti Santa Cecilia sessantennio solidarietà toscana statuto pubblico dei partiti Stefania Saccardi The Scottish Side of History Too Big To Fail? Torre del Lago tradizioni e libertà Ugo di Toscana uninominale Vecchiano veraforza Via dall'Afghanistan vittime yes in my backyard