Uno diverso in Toscana, che crede, in questa nostra madreterra, in questa fugace vita, in qualcosa di diverso.

lunedì 8 gennaio 2018

Il sovranismo italiano non ci salverà



Condivido anche qui una riflessione che ho fatto, con l'aiuto dei miei amici e compagni di Comitato Libertà Toscana, in merito a una cosa sbagliata che abbiamo trovato nel programma di Potere al Popolo, nella sua versione disponibile online a inizio 2018. Si tratta di un immotivato e anzi controproducente attacco alla riforma del Titolo V del 2001. Un altro dei tanti che si sono succeduti nel tempo. Ne ho parlato prima di tutto con loro e spero in un loro ripensamento. E' importante che questa nuova aggregazione apra al proprio interno una riflessione sui rischi del sovranismo. Il sovranismo è intimamente connesso con tutte le illusioni centraliste e non ne sono esenti, purtroppo, forze vecchie e giovani, di sinistra o di destra, del sud o del nord. Il testo è disponibile anche sul sito del CLT.




La riforma costituzionale del 2001
e la lotta per forme più avanzate
di autogoverno

Il Comitato Libertà Toscana, nel suo impegno per promuovere forme più avanzate di autogoverno, dialoga con tutti coloro che si mostrino sensibili su questo tema. Per questo ho partecipato anche alla III assemblea di Potere al Popolo a Firenze, giovedì 4 gennaio 2018 e in quella sede sono intervenuto per segnalare che, nell’ultima versione del loro programma, nel capitolo 1 (difesa e rilancio della Costituzione), c’è un obiettivo parecchio problematico: ripristinare il Titolo V della Costituzione com’era prima della riforma del 2001.

A rischio di apparire semplicistico, vorrei che non si dimenticasse che la volontà di cancellare la riforma del 2001 – l’unica che è stata ratificata dal popolo - era nel progetto neocentralista della riforma Boschi-Renzi-Verdini, quello sonoramente bocciato dal popolo italiano il 4 dicembre 2016, e che si tratta di una richiesta sempre reiterata da forze esplicitamente centraliste, come Fratelli d’Italia. Il rischio, diciamocelo francamente, è quello dell’anti-regionalismo, che porta dritti sul terreno scivoloso di un certo sovranismo italiano.

La presidenza dell’assemblea fiorentina ha verbalizzato che si farà conoscere al coordinamento centrale di Potere al Popolo il rilievo critico. Si scrive a Roma, quindi. Spero che si faccia anche, ciascuno nel suo ambito, qualcosa per liberare la politica da questa dimensione eccessivamente verticale.

In sintonia con considerazioni espresse in altre realtà territoriali, come per esempio Pesa Sardigna (http://www.pesasardignablog.info/2018/01/03/potere-al-popolo-progetto-neocentralista/), vorrei anche aggiungere qualche riflessione in più.

La riforma del Titolo V è stata una tappa, sicuramente problematica e – dal punto di vista di noi decentralisti - senz’altro poco coraggiosa, di uno storico movimento politico e culturale per liberare l’Italia dal suo centralismo. Pur con tutti i suoi limiti, essa va considerata una conquista democratica. Non per nulla la sua attuazione è stata così fortemente ostacolata da tutte le forze più reazionarie e autoritarie (non solo italiane): poteri, funzioni e risorse, che avrebbero dovuto essere affidati alle comunità locali secondo la riforma del 2001, sono stati infatti largamente espropriati dalle tecnocrazie internazionali, europee e nazionali. Il declino dei servizi pubblici, per esempio, non è stato causato dal regionalismo, ma dall’aver sottratto sempre più risorse e autonomie alle regioni, in nome dell’attuazione dell’austerità e dell’omologazione imposte dai vigenti trattati europei.

Le regioni, in Italia e in Europa, vanno quindi difese e anzi rilanciate come uno dei pochi presidi di democrazia e socialità sopravvissuti, come dimostra l’attualità politica in Sardegna, Puglia e Veneto, senza dimenticare ciò che sta accadendo in Corsica, Catalogna, Scozia. Tutti coloro che credono nel protagonismo dei cittadini dovrebbero rallegrarsi del fatto che, praticamente in tutte le regioni italiane ed europee, ci sono lotte per ottenere maggiore autonomia, se non forme ancora più radicali di autogoverno.

La richiesta di abolire sic et simpliciter la riforma costituzionale del 2001, da parte di Potere al Popolo, mi pare incoerente con questo necessario regionalismo europeo e internazionalista e, se mi posso permettere, incoerente anche con il resto del suo programma e in particolare: con il capitolo 2 (Europa), dove si riconoscono i diritti dei popoli e dei territori; con il capitolo 8 (beni culturali), dove si richiede la partecipazione dei territori alla custodia dei beni comuni; con il capitolo 13 (ambiente), dove si rifiutano le grandi opere imposte dall’alto; con il capitolo 14 (nuova questione meridionale), dove si propone una lotta per il riscatto dei territori, in particolare di quelli, come il Sud, la Sicilia e la Sardegna, dove più drammatiche sono le conseguenze di quello che noi del Comitato Libertà Toscana non esitiamo a definire un vero e proprio neocolonialismo.

Invece che pensare a tornare indietro, Comitato Libertà Toscana ritiene che si debba andare ben oltre i limiti del 2001, dando maggiore autogoverno alle regioni e ancora di più alle comunità locali, le quali possono diventare il fulcro della vita democratica, istituzioni dotate di sempre maggiori poteri civici e di capacità di intervento sociale, fondate su forme avanzate di autogestione e di democrazia diretta.


Mauro Vaiani
presidente di Comitato Libertà Toscana

Post più popolari degli ultimi 12 mesi

Argomenti solidamente piantati in questa nuvola:

1989 a touch of grace abolizione delle province e delle prefetture alternativa civico-liberale Anticolonialismo Archivio di Toscana Libertaria verso Toscana Insieme Archivio Gaymagazine autogoverno della Toscana basta cicche BijiKurdistan borghi e comuni bussini chi può creare valore come domare la spesa contro gli ecomostri contro il centralismo contro la dittatura dello status quo dalla mailing list di Toscana Insieme Dario Parrini decentralismo dialogo autogoverno Disintegration as hope don Domenico Pezzini ecotoscanismo Emma Bonino English Enrico Rossi eradication of poverty Eugenio Giani Eurocritica Fi-Po Link fine del berlusconismo Firmigoni gay alla luce del sole Gianni Pittella Hands off Syria Homage to Catalonia Hope after Pakistan Il disastro delle vecchie preferenze In difesa di Israele Inaco Rossi innocenza tradita Italia Futura la bellezza come principale indice di buongoverno Libertà in Iran libertino Lucca 2012 Mario Monti Matteo Renzi Michele Emiliano nonviolenza Ora e sempre resistenza ora toscana Oscar Giannino Peace Is Possible - War Is Not Inevitable popolano Prima di tutto la libertà primarie Primavera araba 2011 quattrini al popolo Queer Faith ricostruzione di una moralità pubblica riforma elettorale toscana rivoluzione liberale Roberto Giachetti Santa Cecilia sessantennio solidarietà toscana statuto pubblico dei partiti Stefania Saccardi The Scottish Side of History Too Big To Fail? Torre del Lago tradizioni e libertà Ugo di Toscana uninominale Vecchiano veraforza Via dall'Afghanistan vittime yes in my backyard